Il casco salva la vita. Sceglilo bene e tienilo allacciato

Prevenire è meglio che curare”, sembra una frase fatta ma è una massima universale applicabile ogni giorno con piccoli gesti che a noi fanno poca differenza, ma nel momento del bisogno possono salvare la vita.

Sulle due ruote si vede spesso poca attenzione e precisione riguardo alle regole basilari del buonsenso e del Codice della Strada, spesso molte persone non prestano attenzione e per svogliatezza non si premuniscono di un’adeguata prevenzione del rischio.

Una delle disattenzioni maggiori è rivolta allo strumento fondamentale di prevenzione e sicurezza su motocicli e biciclette: il casco.
L’uso di questo strumento è regolato dall’Art. 171 del Codice della Strada che ne prevede l’omologazione obbligatoria (pena il sequestro del casco).
Il non utilizzo del casco da parte del guidatore e/o dei passeggeri comporta anche una sanzione monetaria (dai 38€ ai 326€) e il fermo del mezzo per 60 giorni.

Indossare il casco giusto per il mezzo che si sta utilizzando è fondamentale per diminuire il rischio di incidenti gravi. La resistenza della calotta esterna dei caschi di fatto serve ad assorbire l’impatto contro superfici solide e spigolose, l’imbottitura della calotta interna serve a diminuire e a contenere la forte accelerazione della materia cerebrale all’interno del cranio, in caso di impatto.

È importante ricordarsi di cambiare il casco in caso di forte impatto, in quanto l’assorbimento del danno comporta la sua deformazione.

Esistono di fatto 3 tipologie principali di casco per motocicletta, scegliere quello giusto in termini di protezione e comodità alla guida è fondamentale per viaggiare in sicurezza sulle due ruote:

  • Integrale: che copre l’interezza del cranio fornendo una protezione completa fino al collo. Viene indicato con una “P” in termini di omologazione;
  • Casco Jet, aperto o semi-integrale: non copre la parte inferiore del viso ma protegge le parti laterali (guance e orecchie). Viene indicato con una “J” in termini di omologazione;
  • Demi-Jet: copre solo la parte superiore della testa e molto spesso la sua visiera è amovibile.

Il casco riduce del 39% la probabilità di decesso per lesioni cerebrali in caso di incidenti stradali e del 72% la probabilità di riportare lesioni gravi; sono numeri che dimostrano la fondamentale importanza di questo strumento nella prevenzione degli infortuni per incidente stradale.

Tag# Incidenti stradali

Articoli Correlati

Bimbo in auto che dorme, Infortunistica Tossani

Bimbi in auto: come tutelarli e proteggerli dal caldo estivo

Come proteggere i bambini dal caldo estivo? Scopri di più sul blog.

Leggi tutto

incidente con gli sci, Infortunistica Tossani

Incidenti sugli sci: responsabilità e risarcimento danni

Scopri cosa sostiene la normativa in ambito di responsabilità e risarcimento in caso di incidenti sugli sci.

Leggi tutto

Bologna, esplosione autocisterna 6 agosto 2018. Risarcimento danni, infortunistica tossani

Bologna, esplosione cisterna: la forza di chi ha subito lesioni

Molte persone che stiamo seguendo dopo l'esplosione a Bologna del 6 agosto, nonostante la gravità dell’accaduto, non stanno lasciando che rabbia e tristezza vincano su di loro, bensì esprimono una profonda gioia e gratitudine per il loro essere vivi.

Leggi tutto

Contatta il nostro team

    logo max88 racing team
    logo sindacato autonomo di polizia
    logo U.P.A. Federimpresa
    logo C.R.A.L. del Palazzo di Giustizia di Cagliari