Vaccini e autismo: nessun indennizzo riconosciuto

Bambino guarda fuori dalla finestra, Infortunistica Tossani Bambino guarda fuori dalla finestra, Infortunistica Tossani Bambino guarda fuori dalla finestra, Infortunistica Tossani Bambino guarda fuori dalla finestra, Infortunistica Tossani

La Corte di Cassazione è ferma nel sostenere che non vi siano nessi tra i vaccini e l’autismo. Lo ha ribadito con l’ordinanza n. 19699/18 del 25 luglio relativa ad un caso affrontato dal Tribunale di Napoli.

Richiesta di indennizzo per bambino affetto da autismo

Il padre di un bambino aveva chiesto un risarcimento danni (appellandosi alla Legge 210/1992 relativa agli indennizzi per danni causati dalle vaccinazioni) dopo che il figlio aveva sviluppato la malattia dell’autismo. La malattia è insorta a due anni dalle vaccinazioni obbligatorie somministrate nel 2001 al piccolo: la Cinquerix (contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite e haemophilus influenzale b) e la Engerix B (contro l’epatite b).
Il processo legale non ha riconosciuto, né in primo grado né in secondo grado di giudizio, valida la richiesta di indennizzo. Il genitore del bimbo ha quindi effettuato ricorso in Corte di Cassazione.

Indennizzo negato

La Cassazione si è allineata con quanto giudicato dai precedenti Tribunali, non riconoscendo connessione tra la malattia e i vaccini effettuati sul bambino.
Il Collegio ha inoltre colto l’occasione per ribadire che, ai fini dell’ottenimento dell’indennizzo di cui alla Legge 210, l’interessato ha l’onere di provare:

  • l’effettuazione della terapia trasfusionale o la somministrazione vaccinale;
  • il verificarsi del danno alla salute;
  • il nesso causale tra questi due elementi, secondo un criterio di ragionevole probabilità scientifica.

Nel caso di specie, la relazione del consulente tecnico evidenziava sia lo stato della letteratura scientifica in materia – che definiva “non comune o rara” la reazione avversa a carico del sistema nervoso ai vaccini – sia le circostanze del caso concreto che non consentivano di ritenere ipotizzabili tali reazioni non essendovi stato alcun ricovero del figlio né alcuna visita neurologica per asserite reazioni allergiche al vaccino. Dalla CTU emergeva inoltre che la diagnosi della sindrome autistica era stata formalizzata almeno due anni dopo la somministrazione del vaccino.

Tag# Danni alla persona, Tag# Malasanità

Articoli Correlati

Cista strada sfocata, persona in stato di ebbrezza. Infortunistica Tossani

Investito mentre era in stato di ebbrezza

La vittima di un incidente stradale chiede un risarcimento dopo essere stata investita. La Cassazione riconosce un 75% di colpa alla vittima perché ubriaca.

Leggi tutto

donna al volante con smartphone, Infortunistica Tossani

Punti della patente: la situazione dal 2003 ad oggi

Nel 2003 sono stati introdotti i punti della patente: scopri nell'articolo di questa settimana se l'introduzione dei punti della patente è servita realmente a ridurre le infrazioni stradali.

Leggi tutto

La validità del contrassegno RCA e il risarcimento danni

Scopri nella sentenza che tipo di vincoli in ambito risarcimento danni ha l'assicurazione dopo aver rilasciato il contrassegno RCA.

Leggi tutto

Contatta il nostro team

    logo max88 racing team
    logo sindacato autonomo di polizia
    logo U.P.A. Federimpresa
    logo C.R.A.L. del Palazzo di Giustizia di Cagliari