In rosso il Fondo di garanzia vittime della strada, possibile aumento dell’Rc auto?

macchina incidentata, Infortunistica Tossani macchina incidentata, Infortunistica Tossani macchina incidentata, Infortunistica Tossani macchina incidentata, Infortunistica Tossani

Esiste in Italia un organo predisposto a tutelare chi è vittima di incidenti causati da pirati della strada o da veicoli non assicurati?

La risposta è sì: dal 1969 esiste il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada. Il problema attuale è che questo fondo sta lentamente andando verso il proprio capolinea.

A darne l’allarme è la stessa Consap – concessionaria servizi assicurativi pubblici – cui fa capo il fondo di garanzia. Per il 2019 è previsto l’azzeramento del patrimonio fino ad una proiezione di default che vede uno squilibrio di -800 milioni di euro nel 2026. Questo si traduce in una situazione economicamente difficile da sostenere per dare, appunto, quella garanzia a chi ha diritto ad un risarcimento in seguito ad un incidente stradale causato da veicoli non assicurati o da pirati della strada.

Come si è arrivati a questa situazione?

Stando a quanto dichiarato da Consap le ragioni sono sostanzialmente 3:

  • Diminuzione complessiva delle entrate: il Fondo di garanzia delle vittime della strada – che eroga ogni anno 300/400 milioni di euro in risarcimenti – è alimentato quasi del tutto da un prelievo dai premi pagati da chi stipula una Rc auto di circa un 2,5% del premio. Il problema è che da anni le assicurazioni sono più a buon mercato, questo si traduce in una quota prelevata tra il 2012 e il 2015 che è crollata del 20%: trattenere il 2,5% ormai non basta più per coprire le uscite.
  • Aumento degli evasori: si stima che siano cinque milioni i veicoli che circolano ma che non sono assicurati (circa il 13% del parco veicoli circolante). La conseguenza di ciò è che ovviamente vi sono meno entrate per il Fondo di garanzia e contemporaneamente un aumento degli incidenti da risarcire da parte dello stesso Fondo.
  • Aumento delle frodi: si teme infatti che molti risarcimenti effettuati dal Fondo possano essere relativi a frodi. La regione italiana che spicca in questo ambito è la Campania. Qui infatti finisce il 41% dei quasi 200 milioni di euro pagati dal Fondo (il dato del Consap risale al 2015) e si rileva un 65% dei casi considerati possibili frodi. Di contro la Campania pesa sul mercato assicurativo ordinario solo per il 7,7%.

Come salvare il Fondo di garanzia per le vittime della strada?

Dal sapore amaro la possibile risposta a questa situazione: aumentare il prelievo a carico di chi paga l’assicurazione, portandolo da un 2,5% ad un 4% del premio pagato per l’Rc auto, massimo consentito. Ciò quasi sicuramente porterebbe ad un aumento dell’Rc auto tra i 4 e i 5 euro per la maggioranza degli assicurati italiani. Aumento non gradito dalle associazioni dei consumatori.
In ogni caso la misura non basterebbe a coprire il deficit, ma sicuramente potrebbe portare circa 210 milioni di euro di introiti in più.

La decisione dell’aumento dell’Rc auto però non è ancora stata definita e non è dunque certa, la questione è in corso di dibattito.

Tag# Incidenti stradali

Articoli Correlati

Segnaletica stradale ed incidenti

Un uomo richiede risarcimento danni da incidente stradale all'ente gestore della strada per cattiva segnalazione di una curva. Scopri il caso.

Leggi tutto

Malasanità articolo del blog, Infortunistica Tossani

Legge Gelli: novità sulla responsabilità medica

Cosa prevede la nuova Legge Gelli sulla responsabilità medica? Leggi l'approfondimento sul blog.

Leggi tutto

Tifoso Stadio Juventus

Calcio, petardo esploso: 80mila € risarcimento

Quasi 80mila € di risarcimento danni ad un tifoso della Juve che nel 2004 ha subito gravi danni a causa di un petardo esploso in mano.

Leggi tutto

Contatta il nostro team

    logo max88 racing team
    logo sindacato autonomo di polizia
    logo U.P.A. Federimpresa
    logo C.R.A.L. del Palazzo di Giustizia di Cagliari