Ministero deve risarcire per contrazione epatite C in ospedale

Un uomo, ricoverato presso una struttura ospedaliera romana, deve sottoporsi ad un intervento chirurgico di protesi all’anca.
Per la buona riuscita dell’operazione gli vengono somministrate sacche di sangue, rivelatesi, poi, infette da epatite virale di tipo C.

Il paziente, contratta la patologia, avanza di conseguenza una richiesta di risarcimento danni nei confronti del Ministero della Salute.
Domanda accettata in Primo Grado: il Ministero viene condannato ad elargire una somma risarcitoria dell’ammontare di 350.000€, causa la condotta omissiva relativa ai controlli sul sangue per le trasfusioni.
Inutile il ricorso in appello del dicastero: la Corte conferma quanto precedentemente stabilito.

Tag# Malasanità

Articoli Correlati

Elmetti protettivi su tavolo, Infortunistica Tossani

Sicurezza sul lavoro: condotta “eccentrica” e responsabilità

Infortunio sul lavoro: quando la condotta eccentrica del lavoratore non può essere considerata attenuante alla responsabilità dei garanti? Leggi tutto.

Leggi tutto

operaio infortunato assistito dai colleghi, Infortunistica Tossani

2017: aumentati dell’1,3% gli infortuni sul lavoro

In occasione della 67ª giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro, gli alti vertici dello Stato commentano preoccupati l'aumento degli infortuni sul lavoro nel 2017.

Leggi tutto

Segmento di DNA, Infortunistica Tossani

Medico sbaglia test del DNA: obbligo risarcimento

A due anni di distanza dal primo test del DNA, un secondo test ne rivela l'erroneità. Riconosciuto risarcimento danni.

Leggi tutto

Contatta il nostro team

    logo max88 racing team
    logo sindacato autonomo di polizia
    logo U.P.A. Federimpresa
    logo C.R.A.L. del Palazzo di Giustizia di Cagliari