Ministero deve risarcire per contrazione epatite C in ospedale

Un uomo, ricoverato presso una struttura ospedaliera romana, deve sottoporsi ad un intervento chirurgico di protesi all’anca.
Per la buona riuscita dell’operazione gli vengono somministrate sacche di sangue, rivelatesi, poi, infette da epatite virale di tipo C.

Il paziente, contratta la patologia, avanza di conseguenza una richiesta di risarcimento danni nei confronti del Ministero della Salute.
Domanda accettata in Primo Grado: il Ministero viene condannato ad elargire una somma risarcitoria dell’ammontare di 350.000€, causa la condotta omissiva relativa ai controlli sul sangue per le trasfusioni.
Inutile il ricorso in appello del dicastero: la Corte conferma quanto precedentemente stabilito.

Tag# Malasanità

Articoli Correlati

Madre e figlio articolo del blog, Infortunistica Tossani

“Oltre Magazine” parla con Francesca Tossani

L’individuo al centro: intervista a Francesca Tossani

Leggi tutto

Urta contro un basolo, la colpa non è del Comune

Un basolo in mezzo alla strada è responsabile di un incidente stradale. La responsabilità non viene riconosciuta al Comune.

Leggi tutto

coppia si abbraccia affranta, Infortunistica Tossani

Incidenti mortali: per ogni familiare risarcimento personale

Ogni familiare di una vittima di incidente mortale ha un diritto autonomo, rispetto agli altri familiari, di ricevere un risarcimento completo del danno.

Leggi tutto

Contatta il nostro team

logo max88 racing team